Il SUPERBONUS È ARRIVATO, TU SAI COSA FARE?

Il superbonus 110% è oggetto di grande attenzione in questo periodo e sicuramente  in mezzo a  questo caos mediatico non è facile orientarsi. Proprio per questo, insieme ad un pool di professionisti, vogliamo aiutare i lettori a chiarire nel modo più esaustivo possibile i dubbi e le perplessità su questa grande possibilità di risparmio.
Come prima cosa per poter valutare seriamente la fattibilità degli interventi sono necessaridue documenti specifici specifici:

 

  • Il CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA
  • I DISEGNI PLANIMETRICI DELL’IMMOBILE COME DEPOSITATO IN COMUNE.

 

Il Certificato di Destinazione Urbanistica (spesso chiamato semplicemente C.D.U.) è definito, nei suoi contenuti essenziali e generici e nel suo uso, validità e durata, dall'articolo 30 del Testo unico dell'edilizia (DPR 6 giugno 2001, n. 380). Senza analizzare nello specifico le indicazioni del suddetto articolo possiamo sintetizzare dicendo che il C.D.U. è un documento che contiene le indicazioni urbanistiche che riguardano gli immobili e , nello specifico, le informazioni principali riguardanti il fabbricato o il terreno interessato dal certificato stesso, tra cui i dati del fabbricato o del terreno (Foglio e Particella catastale), la destinazione urbanistica (es. se in zona residenziale o agricola), parametri urbanistici come l'indice di fabbricabilità (ovvero l’idoneità a edificare), l'indice del dissesto dei versanti e l'indice di inondabilità. Il C.D.U viene di norma rilasciato dalla pubblica amministrazione (tipicamente gli Uffici Tecnici Comunali). In pratica questo documento rappresenta una sorta di "Libretto di istruzioni" dell’immobile preso in considerazione, perché ne indica le zone di piano in cui ricade e ne descrive le possibilità edilizie. È facile capire da questi brevi cenni come sia indispensabile che questo documento risulti aggiornato e coerente alle indicazioni dello stato per poter accedere al Superbonus 110%.

 

Passando ora al secondo documento indispensabile per le pratiche di questo incentivo, possiamo dire che il disegno planimetrico dell’immobile  è la rappresentazione tecnica, di norma in scala 1:200, di un’unità immobiliare registrata in Catasto, da cui è possibile desumere, in conformità alle regole catastali, contorni, suddivisione e destinazione dei locali interni, dati metrici e varie altre informazioni.

 

Questi documenti permettono di individuare potenziali vincoli, irregolarità, abusi edilizi o difformità tali che potrebbero impedire di accedere al Superbonus.

In questa fase iniziale è perciò estremamente importante non farsi ammaliare da promesse di grandi risultati senza sforzi. Tutti i benefici del Superbonus 110% SI POSSONO OTTENERE, ma solo in seguito ad un'attenta e scrupolosa valutazione eseguita da professionisti incaricati che sapranno guidarvi nel miglior modo possibile.

 

Nei prossimi articoli esamineremo vari aspetti di questo superbonus cercando di esporne le caratteristiche nel modo più semplice e chiaro possibile

superecobonus.jpg
Pubblicato il: 3 settembre 2020